• 1 persona su 1 indecisa se consigliarlo o no
Scrivi la tua opinione
  • materiali
  • qualità del suono
  • robustezza
  • difficoltà
  • rapporto qualità/prezzo
1 Opinioni per Fender Frontman 10G
Ordina per
Visualizza opinioni
  • opinionistaverde15121
    Non male come prodotto della sua taglia e fascia di prezzo Foto allegate
    opinione inserita da opinionistaverde15121 il 17/01/2021
    Certamente suona benissimo, è un ottimo prodotto Fender della sua taglia, abbastanza idoneo per suonarci in casa o in piccoli locali, ottimo rapporto qualità-prezzo, ottimo anche come primo amplificatore per chi è all'inizio con la chitarra elettrica ma non ha molti soldi a disposizione da spendere. Ma ci sono sicuramente persone, come, ad esempio, me(ne sono entrato in possesso anni fa con il kit su cui ho scritto di recente un'opinione, che dir si voglia, parecchio lunga, Fender Squier Stratocaster Affinity Pack) che ne avrebbero preferito uno con inclusa la manopola per regolare le medie. Ma, questo, naturalmente, dipende comunque dalle esigenze di musicista individuali. Ne ho di recente inclusa un'opinione specifica al riguardo nell'opinione che ho scritto di recente al riguardo del kit appena accennato, ma ho pensato anche a quando ci sono persone intenzionate ad acquistare il singolo prodotto invece che il kit. Quindi, ho pensato di scrivere questa opinione incentrata direttamente solo sull'amplificatore in questione, quindi volta a chi è interessato ad acquistare solo esso invece che il kit. Dunque, scrivo subito qui di seguito delle mie ulteriori informazioni al suo riguardo che ho anche già incluso nell'opinione volta a chi è, invece, interessato al kit. Molto maneggevole ed è adatto almeno per suonare in casa o in piccoli locali(da tener presente che produce molto volume pur essendo molto piccolo), sicuramente non sarebbe l'ideale per concerti di portata piuttosto grande. Emette istantaneamente il suono stimolato dalla corda. Bisogna selezionare un volume piuttosto alto per permettere a questo amplificatore di emettere tutte le armoniche potenzialmente emettibili, per poter udire il suono al completo quindi e poter suonare anche gli armonici naturali e artificiali(udibili soprattutto con l'overdrive). Ha un buon overdrive che, però, innalza ulteriormente di un bel po' il volume una volta azionato e non esprimerà tutto il potenziale sonoro disponibile se si abbassa di troppo il volume. Sconsiglio di utilizzare la modalità con le cuffie(è disponibile la presa per collegare le cuffie nella sezione in cui ci sono anche le manopole) abitualmente, a causa del fatto che si percepisce un volume eccessivo da ricevere dritto nelle orecchie. Le indicazioni e le manopole su di esso sono bene comprensibili e facilmente utilizzabili e, per giunta, ha anche un'estetica molto bella (ovviamente, l'apprezzamento estetico dipende anch'esso dai gusti personali). Riprendendo poi il discorso delle manopole per regolare il tono, ovvio che poi dipende anche da gusti ed esigenze musicali personali la presenza/assenza di quella per le medie(pur essendo un ampli piuttosto piccolo...) ma penso che l'inclusione di essa sarebbe stata pur sempre utile almeno per poter sperimentare più varietà di toni. Comunque, la mia valutazione al riguardo del Fender Frontman 10G è generalmente sufficientemente positiva, ed anche un po' di più se interessato come ampli per chi è alle prime armi e/o non ha molti soldi a disposizione, perché suona e funziona parecchio bene ed è parecchio pratico ed agevole da utilizzare.
    Segnala contenuto
    Non male come amplificatore della sua taglia e del suo prezzo. Abbastanza un buon prodotto. Suona bene, ha buone funzionalità ed è abbastanza ben costruito. Anche molto maneggevole, facilmente trasportabile anche grazie alla maniglia ben costruita presente sulla sua superficie.
    Non c'è la manopola per regolare le frequenze medie. Se non lo si utilizza con un certo volume alto non esprime completamente le sonorità di esso e dello strumento ad esso collegato. Sconsiglio di utilizzare abitualmente le cuffie con esso a causa del volume particolarmente alto che ci si ritrova sparato dritto nelle orecchie, a meno che non sia possibile regolare il volume direttamente dalle cuffie senza annichilire il suono di ciò che si ascolta, altrimenti si dovrebbe spesso abbassare troppo il volume dall'ampli per non rischiare il danneggiamento dell'udito o, comunque, di ritrovarsi per giorni le orecchie che fischiano o "ovattate" quando ci si usa le cuffie.