• 1 persona su 1 indecisa se consigliarlo o no
Scrivi la tua opinione
  • Rapporto Qualità/Prezzo
  • Qualità Audio
  • Materiali
  • Comfort
  • Praticità
1 Opinioni per Pioneer CDJ-400
Ordina per
Visualizza opinioni
  • locusta91
    Ottimi professionalmente, non più in produzione
    opinione inserita da locusta91 il 12/12/2017
    Tempo fa ho affiancato alla mia consolle questo cdj della marca di prodotti professionali, Pioneer. È uno dei più diffusi di una decade fa. Questo perché è uno tra i più completi cdj che si son potuti comprare in quegli anni, e continuano ad essere venduti e ricercati da usati (essendo comunque fuori produzione). Voglio scrivere un'opinione in maniera schematica, facendo il confronto con il suo "concorrente" cdj 200, che sono ancora diffusi per i dj, sopratutto che non intendono spendere molto per strumenti nuovi o più moderni. Oltre alla modalità classica, è presente quella VINYL con la funzione scratch e altri effetti appositamente ideati per il mixaggio dei brani come se provenissero da dei dischi in vinile. Questo è uno dei motivi che spingono ad acquistare questo lettore, per chi è in quello stile. A me non serviva questa funzione, ma per svago era simpatica. La particolare jog wheel, è abbastanza grande (le dimensioni sono comunque piuttosto ridotte rispetto al diametro dei dischi realmente di vinile...) Presenti differenze negli effetti standard e nel loro utilizzo: la jog wheel la si può premere come se fosse un ulteriore mega tasto, e permette di applicare degli ulteriori effetti. Inoltre la jog wheel è indispensabile durante la funzione "vinile": per bloccare, premendola, l'esecuzione del brano, come se fosse un vero vinile fermato con la mano. Dato che siamo nell'argomento, con il senno di poi, avrei ritenuto migliore evitare di cominciare questo hobby con una console ingombrante e costosa come questa: per più motivi, sarebbe stato meglio un controller più il portatile. Più divertimento, compattezza, e risparmio. Porta usb superiore per il collegamento ad un hard disk/ penna usb per suonare la propria musica direttamente da questi. Pure questa era una funzione che mi aveva colpito, visto che era molto più comodo e rapido il caricamento del brano. Questo aspetto può esser fondamentale per chi ha la licenza da dj, suonando solo i brani in formato digitale. La manopolina in rilievo è purtroppo la parte del cdj più delicata ma è indispensabile per scorrere le cartelle mp3 nelle penne usb e selezionare il brano. -Funzione reverse per eseguire l'audio a rovescio. Era per me piuttosto inutile, non l'ho sfruttata se non per "gioco". -Effetti luci sulla jog wheel. Sono personalizzabili ma è solo una questione di stile/estetica, cosa che non mi imposta. -Lo schermo è più amplio del vecchio cdj 200, e il "rileva bpm", da quel che ho notato, è più affidabile e preciso. -Le dimensioni del lettore sono più elevate di qualche cm, rispetto ai cdj 200. In conclusione considerando gli aspetti che ho scritto, considero questo modello principalmente indirizzato per chi desidera mixare in stile vinile. Se togliamo questa caratteristica, e le porte usb, l'acquisto di questo modello mi sembrerebbe superfluo e non conveniente. Questo cdj 400 rimane comunque un solido cdj usato ancora da molti deejay professionisti, che di sicuro consiglio per chi interessa la funzione vinile, porta usb e la complessiva qualità acustica dell'apparecchio. Per gli amatori come me, consiglio maggiormente di indirizzarsi in prodotti più economici, come i controller usb per i portatili.
    Segnala contenuto
    Ottima qualità suono, effetti vinile, abbastanza solidi
    A chi non serve la funzione vinile e l'usb, superflui e costosi... Rotella delicata