• 1 persona su 1 lo consiglia
Scrivi la tua opinione
  • tema
  • contenuto
  • accuratezza
  • conduttori
  • adatto a tutti
1 Opinioni per Venezia la città che affoga (Millstream Film)
Ordina per
Visualizza opinioni
  • little51
    Venezia muore Foto allegate
    opinione inserita da little51 il 14/11/2020
    Il 12 Novembre 2020 ricorreva il primo anniversario dalla disastrosa alluvione di Venezia sepolta sotto quasi due metri d'acqua (1,87 per la precisione) a seguito di una marea eccezionale: nell'occasione è stato trasmesso sul canale History di Sky un documentario interessantissimo intitolato “Venezia la città che affonda” prodotto dalla Mills Films (Casa di documentari UK con associazioni nell'Italia Settentrionale). Per una durata di 57 minuti la voce narrante ci porta nella città sotto attacco come nell'ormai famosissima alluvione record del 1966, altezza (m 1,94) che comunque non è stata questa volta superata, e tutto questo tramite registrazioni video e tante interviste a gente del posto, abitanti e lavoratori che per l'ennesima volta si sono trovati case e negozi devastati. L'eccezionale acqua alta per una coincidenza di maree particolari e venti verso terra fu annunciata come stabilito dalle sirene e posso confermare, avendole sentite una volta quando ci sono stata alcuni giorni, il suono terribile fa pensare subito a guerre e bombardamenti. Ultimamente è stato aggiunto un suono diverso che indica quale sarà il livello previsto e questa volta esso ha suonato 4 volte, il massimo, ad indicare una prospettiva d'innalzamento di 1,40 “e oltre”. Come indicava una delle intervistate, quella che risuona come incubo è quell'-e oltre- che vuol dire tutto e non vuol dire niente, ma certo indica un livello pauroso. Le immagini presentate colpiscono dritto al cuore e colpiscono tutto il Mondo che si è interessato con raccolte fondi che possano mettere in opera i restauri e pensare a progetti di difesa, ma il più importante di essi, il famoso Mose, progettato e messo in opera da decenni, non è quasi mai stato fatto funzionare soprattutto per motivi burocratici di controlli finali. Oggi finalmente dopo l'alluvione del 2019 esso è stato usato almeno un paio di volte ed ha salvato Venezia da alcune acque particolarmente alte, m 1,30, ma non certo come nel caso sopraddetto quando l'-aqua granda-, come dicono i Veneziani, ha raggiunto la bellezza di m 1,7. Documentario decisamente consigliato.
    resoconto fotografico e narrativo molto preciso ed interessantissimo
    nessuno