• 2 persone su 2 indecise se consigliarlo o no
Scrivi la tua opinione
  • trama
  • ambientazione
  • personaggi
  • sviluppo
  • adatto a tutti
2 Opinioni per Zio Gianni
Ordina per
Visualizza opinioni
  • millifly
    Una sitcom italiana
    opinione inserita da Anonimo il 12/12/2019
    In Italia ogni tanto si cerca di sperimentare ed uscire almeno televisivamente parlando dalla confort zone, un caso quasi raro è Zio Gianni. Si tratta di una sitcom di pochi minuti trasmessa da Rai 2 nel preserale ed andata in onda tra il 2014 e il 2015. In pochi se la ricorderanno anche perché non ebbe tanto seguito e successo di pubblico o critica. Al timone e protagonista c'ra Paolo Calabresi, attore e intrattenitore capace ma messo nel contesto a caso come un pesce fuor d'acqua. Gianni è un uomo di mezza età che si ritrova dall'oggi al domani ad affrontare una separazione la perdita del lavoro e la precarietà della vita moderna. Trova un posto letto nell'appartamento di giovani studenti universitari e inizia la convivenza. La sitcom gioca sui soliti luoghi comuni tra ragazzi ventenni alle prese con gli studi e la vita moderna e un uomo di un'altra generazione che fa fatica a stare al passo e mal è assortito nel gruppo. Vista qualche puntata ma programma completate insipido, manca la verve, l'humor pochi sorrisi e molta noia.
    Segnala contenuto
    per certi versi originale
    troppo finto e di poco spessore di trama
  • locusta91
    Dal grottesco alla moderna stravaganza
    opinione inserita da locusta91 il 17/06/2019
    Una sitcom che inizialmente mi incuriosiva, ma man mano gli episodi erano piuttosto forzati, non molto spontanei e complessivamente noiosi... Tematiche anche se tristemente attuali, con la triste "moralità" giovanile viene scimmiottata e ripetuta un episodio dopo l'altro, come se servisse far un "corso" di modernità con Paolo Calabresi. La storia tratta riguardo un impiegato cinquantenne che ha perso l'impiego bancario. La moglie lo lascia e lui è costretto a convivere con 3 giovani studenti, 2 maschi e una femmina. Ognuno è caratterizzato dal proprio stile o filosofia di vita. Presente quindi la trattazione delle difficoltà contemporanee: non solo l'aspetto economico, ma anche la visione differente di due generazioni cresciute con altre cose. Il risultato, almeno nei primi episodi l'avevo trovato interessante, ma poi le situazioni e gli episodi sono diventati un noiosi, con pure qualche tematica modernamente iniqua. Cominciava per me a essere noioso e privo di un interesse, ma per completezza mi sono guardato l'ultimo episodio della seconda stagione così per sapere come è andata a finire la trama.
    Segnala contenuto
    Ero curioso per Calabresi e le premesse della trama
    Non molto guardabile, con l'avanzare della serie; scimmiottamenti verso gli stereotipi, anche iniqui e sgradevolmente moderni, per me