• 1 persona su 1 lo consiglia
Scrivi la tua opinione
  • tema
  • contenuto
  • accuratezza
  • varietà
  • adatto a tutti
1 Opinioni per Wired
Ordina per
Visualizza opinioni
  • sheffield18
    La rivista della tecnologia Foto allegate
    opinione inserita da sheffield18 il 16/08/2020
    Per diverso tempo dopo la sua comparsa in edicola nel 2009, la rivista Wired era ritenuta da molti esclusivamente per uomini e in certi casi addirittura per nerd visti i temi trattati, ma non è così perchè basta scorrere l'indice di uno qualsiasi dei suoi numeri, per vedere quanto sia ampio il suo spettro d'azione con articoli davvero interessanti. La rivista nacque in Usa nel 1993 e in Italia il primo numero che risale al 2009, aveva in copertina Rita Levi Montalcini, il nostro Premio Nobel; da allora Wired è cambiato molte volte, ma mantiene la valutazione di essere -la Bibbia della Rivoluzione Digitale-, muovendosi prevalentemente su quattro ambiti: -digotale, -magazine con approfondimento sulla rivoluzione tecnologica, -eventi con gli avvenimenti sul territorio, -consulenza. Insomma gli interessi di Wired, che mantiene l'uscita trimestrale, abbracciano a 360° il mondo nel suo sviluppo, nelle innovazioni, nelle scoperte e proprio per questo, il pubblico cui si rivolge è molto ampio. Per esempio nel numero attualmente in edicola, la parola d'ordine è Reset cioè una panoramica sul mondo che riprende nel post-covid con particolare attenzione riservata allo smart-working, alla necessità di ridisegnare gli spazi a scuola, a casa, al lavoro, all'indispensabile revisione della globalizzazione. Da una rivista all'altra passano tre mesi e data la corposità degli articoli e anche lo stile, mi pare il giusto tempo per sfogliare, leggiucchiare e leggere poi approfonditamente gli argomenti che sembrano più interessanti, dedicando anche una certa attenzione alle novità sulle piccole o grandi invenzioni qua e là per il mondo.
    rivista ad ampio spettro veramente interessante
    nessuno