• 1 persona su 1 lo consiglia
  • trama
  • ambientazione
  • personaggi
  • sviluppo
  • adatto a tutti
1 Opinioni per Ophelia (2018)
Ordina per
  • puredecadence
    Il dramma Shakesperiano attraverso i suoi occhi
    opinione inserita da puredecadence il 27/07/2020
    Buongiorno, il film di cui intendo parlarvi oggi è un riadattamento della famosissima tragedia di William Shakespeare "Amleto". Il film si chiama Ophelia, e narra le vicende dell'opera teatrale che tutti conosciamo attraverso il punto di vista del personaggio di Ofelia. Il film è basato sul romanzo di Lisa Klein. Ofelia (interpretata dall'attrice Daisy Ridley) viene accolta come ancella della regina Gertrude (Naomi Watts), la madre di Amleto, a palazzo, dove incontra un giovanissimo Amleto. Anni più tardi, i due ragazzi iniziano a provare sentimenti l'una per l'altro, e Ofelia stessa scopre che l'assassinio del Re (padre di Amleto) è stato assassinato dal fratello di lui, Claudio, il quale ha intrapreso una relazione segreta con la cognata. Amleto, che aveva giurato fedeltà pur non volendo a Claudio, inizia a provare sentimenti di vendetta e medita di spodestare lo zio. Intanto Ofelia e Amleto si sposano segretamente, e il Re Claudio sospettando dell'affetto tra i due usa la ragazza come esca. Qui succede qualcosa di totalmente inaspettato rispetto al dramma di Shakespeare: è Ofelia stessa a escogitare il piano di far credere Amleto pazzo per salvargli la vita. Così inizia il percorso della follia di Amleto, il quale inizia ad alludere tramite commedie a corte al tradimento dello zio. Ofelia viene incarcerata perchè a conoscenza di ulteriori segreti e omicidi di Re Claudio, così si finge anche lei pazza davanti alla corte e prende volutamente una pozione per fingersi morta e poter continuare ad agire in segreto per salvare Amleto, la cui è vita è appesa ad un filo in quanto dovrà combattere contro il fratello di Ofelia (Laerte) per aver ucciso per sbaglio il loro padre. Ma Laerte è complice di Re Claudio, il quale ha intriso la spada di veleno. Ofelia tenta di avvertire Amleto e lo sprona a fuggire con lei, ma il ragazzo rinuncia alla fuga e accetta la sua sorte per onore, ed infine muore. La ragazza riesce a fuggire e ripararsi in un convento, dove darà alla luce una figlia a cui racconterà la sua visione della storia. In questo film, quindi, vediamo una visione alternativa della tragedia: Ofelia non viene ritratta come la donna abbandonata che si lascia andare alla morte per dolore, ma come una donna forte che finge la pazzia e la morte stessa per riuscire a salvare l'uomo che ama e se stessa. Questo film mi è piaciuto fin da subito: le ambientazioni sono bellissime, la colonna sonora con il testo originale dell'Amleto è pura poesia, le interpretazioni sono ben riuscite e tutta la scenografia ti catapulta realmente nella mente di Shakespeare! Lo consiglio!
    Poetico
    Nessuno