Opinione su Toy story 4: Il cuore e l'umorismo di Toy Story 4

Il cuore e l'umorismo di Toy Story 4

30/09/2019

Vantaggi

Ottima narrazione e personaggi

Svantaggi

nessuno


Quando è stato rilasciato nel 1995, Toy Story è stato il primo film della Pixar Animation Studios, che a quel tempo era un giovane uomo, che da allora è diventato una potenza nei film animati che competono con la Disney. Sebbene Pixar sia ben nota per i suoi film originali, Toy History è la proprietà più venerabile dello studio, poiché un'intera generazione di bambini è cresciuta guardando Woody, Buzz e Andy. Dopo Toy Story 2 nel 1999 e un capitolo finale di Toy Story 3 2010 , Pixar riprende la premessa dei giocattoli che prendono vita in Toy Story 4 . Anche se Toy Story 3Ha concluso la storia del tempo dei giocattoli con Andy, il film è finito con lui e ha passato i suoi giocattoli al giovane Bonnie, e il suo scopo è stato rinnovato. Pixar Toy Story 4 ha il cuore e l'umorismo da risparmiare in un'altra avventura con Woody e la banda, esplorando argomenti difficili attraverso giocattoli vecchi e nuovi.
Il film vede Woody (Tom Hanks) che fatica ad accettare che Bonnie lo abbia già superato e, nel tentativo di fare ciò che può per suo figlio, si assume il compito di proteggere il suo nuovo giocattolo preferito: Forky (Tony Hale). Più facile a dirsi che a farsi, ma Woody rifiuta l'aiuto dei suoi compagni giocattoli, come Buzz Lightyear (Tim Allen) e Jessie (Joan Cusack). Quando Forky fugge dal retro della casa mobile della famiglia durante un viaggio, Woody lo insegue e viene bloccato in un negozio di antiquariato dalla bambola scomparsa Gabby Gabby (Christina Hendricks). Con l'aiuto di Bo Peep (Annie Potts) e dei suoi amici Giggle McDimples (Ally Maki) e Duke Caboom (Keanu Reeves), sono tutti giocattoli senza figli, Woody intende salvare Forky. Si è unito alla strada per Buzz e i giocattoli di carnevale Ducky (Keegan Michael-Key) e Bunny (Jordan Peele). Tuttavia, quando la missione diventa pericolosa, i giocattoli dovrebbero rivalutare gli sforzi che sono disposti a fare per rendere felice un bambino e se questo è compatibile con la propria felicità.
Scritto dallo scrittore di franchising Andrew Stanton e Stephany Folsom ( Star Wars Resistance ) e diretto da Josh Cooley nel suo debutto cinematografico, Toy Story 4 è una continuazione convincente della serie che molti pensavano che fosse conclusa abbastanza bene in Toy Story 3 . Mi piacciono 3 , il quarto film parla dell'idea di cosa succede ai giocattoli quando i loro figli non ne hanno più bisogno. Toy Story 4Ci vuole molto di più per esplorare come i giocattoli "persi" possano ancora condurre una vita soddisfacente, sia con un bambino che no. Uno dei temi principali del film è trovare un ruolo che renda i giocattoli felici e soddisfacenti e accettare quando potrebbe non essere il ruolo che essi stessi immaginavano. Bo ha trovato una vita per lei senza un figlio singolo, ma Woody, Forky e Gabby Gabby hanno idee concrete su ciò che dovrebbero essere e sono costretti a riesaminare se questo è ciò che li renderà davvero felici. È un tema che offre una buona lezione per i bambini del pubblico e sarà sicuramente in sintonia con gli adulti (qualcosa che Pixar è sempre stato bravo a bilanciare, specialmente nei suoi film Toy Story ).
Ma per molti versi, Toy Story 4 rompe con la tradizione del franchising, concentrandosi maggiormente sui giocattoli più recenti rispetto a quelli che hanno fatto il passaggio dalla stanza di Andy a quella di Bonnie. Anche se Toy Story 4 è la storia di Woody, e si è unito al suo amico Buzz, gli altri giocattoli sono contenti di appartenere a Bonnie, mentre Woody sta mettendo in discussione il suo ruolo nella stanza. Ma con il ritorno di Bo e l'introduzione di molti nuovi giocattoli, questo mondo vivace è ben riempito. Forky e Duke Caboom rubano lo spettacolo, senza dubbio grazie alle interpretazioni vocali di Hale e Reeves. Nel frattempo, Henricks offre uguali minacce e vulnerabilità a Gabby Gabby, dando vita al "cattivo" più convincente della serie. Key e Peele sono esilaranti come Ducky e Bunny, infusiToy Story 4 Con molti dei suoi momenti più divertenti. In totale, Toy Story 4 si affida ai suoi nuovi arrivati ??piuttosto che al suo cast, ad eccezione di Hanks e Potts, ma è un cast molto adatto per far brillare questi personaggi animati sullo schermo.


Questa opinione rappresenta il parere personale di un membro di Opinioni.it e non di Opinioni.it.

dani54e

  • trama
  • ambientazione
  • personaggi
  • sviluppo
  • adatto a tutti
Valuta questa opinione

Ti sembra utile quest'opinione?

Scrivi un commento

Questa funzione è disponibile solo per gli utenti che hanno effettuato il login

Altre opinioni degli utenti su Toy story 4

  • bimbabisti
    opinione inserita da bimbabisti il 13/04/2020
    Oggi apriamo la giornata concludendo con la saga dei giocattoli più simpatici del mondo. Purtroppo qui non sentiremo la voce di Fabrizio Frizzi e non la sentiremo mai più, l'ultima volta è stata nel p...
    Continua a leggere >
    tutti
    nessuno
  • millifly
    opinione inserita da millifly il 11/01/2020
    Era il 1995 e la neonata o comunque molto giovane Pixar usciva con un lungometraggio animato destinato a diventare un grande classico e un successo senza tempi, Toy Story. L'epopea di giocattoli inani...
    Continua a leggere >
    personaggi, temi
    nessuno, forse un tantino lunga la saga
  • jimorris
    opinione inserita da jimorris il 13/07/2019
    Toy story è uno dei film che ha lanciato la Pixar, sua casa produttrice, nell'olimpo delle migliori del mondo e ha fatto sborsare alla Disney un sacco di soldi. La saga di Toy Story mi ha fatto ridere...
    Continua a leggere >
    personaggi, ironia, riflessioni, grafica, animazione, emozioni
    alcune scene hanno spaventato mia figlia