• 1 persona su 1 lo consiglia
  • trama
  • ambientazione
  • personaggi
  • sviluppo
  • adatto a tutti
1 Opinioni per Un tè con Mussolini (Franco Zeffirelli - 1999)
Ordina per
Visualizza opinioni
  • sheffield18
    Il meglio è vivere a Firenze Foto allegate
    opinione inserita da sheffield18 il 12/08/2020
    Un tè con Mussolini è un film del grande Franco Zeffirelli, un film che non avevo mai visto e che mi ha davvero colpito ed affascinato, un film del 1999 ma che sembra appena girato e non mette davvero i suoi 21 anni, questo grazie anche all'eccezionale interpretazione di un grande cast, da Cher a Maggie Smith, DA Judy Dench a Joan Plowright. La storia dell'Italia fascista e poi della II Guerra Mondiale è qui un semplice sfondo alla vita di alcune splendide donne che innamorate dell'arte italiana e di Firenze in particolare, hanno lasciato gli Usa e la Gran Bretagna ed hanno scelto di vivere nella splendida città toscana che non vogliono abbandonare neppure alla richiesta degli ambasciatori per lo scoppio ormai vicinissimo della guerra. In particolare la lady interpretata da Maggie Smith è convinta della gentilezza e della sincera amicizia di Mussolini e quando a Firenze cominciano gli atti d'assalto ad ebrei e non ebrei da parte delle squadracce (d'altra parte ormai legalizzate), parte alla volta di Roma e riesce a bere un tè con Mussolini (da cui il titolo) e ancora una volta ne è affascinata. Poi le cose cambiano di colpo: dopo il 10 giugno '40, le donne vengono prese e messe nel carcere di San Gimignano, poi trasferite in un albergo del luogo grazie all'intervento segreto dei soldi di Elsa, l'americana. All'interno di questa storia si colloca quella di un bambino, Luca, il “bastardo” di un fiorentino, commerciante di tessuti che alla morte della madre, lo mette in orfanotrofio, ma grazie alla insistenze di una delle signore inglese, Mary trova in lei una famiglia. Anche quando il padre preso dal raptus tedesco, lo iscrive ad un collegio austriaco, Luca rimane fedele alle donne e al suo ritorno non solo le aiuterà ma entrerà nella Resistenza. Film affresco di un'epoca, intenso, ricco di sentimenti, in parte inventato, in parte autobiografico perchè Luca è l'alter ego di Zeffirelli, ottimo sotto ogni aspetto: largamente consigliato.
    stralcio di un'epoca simile ad un affresco
    nessuno