• 1 persona su 3 lo consiglia
  • 2 persone su 3 indecise se consigliarlo o no
Scrivi la tua opinione
  • tema
  • contenuto
  • accuratezza
  • conduttori
  • adatto a tutti
3 Opinioni per A cominciare comincia tu
Ordina per
Visualizza opinioni
  • millifly
    Un format non originale per una conduttrice eccezionale
    opinione inserita da millifly il 23/12/2019
    A Cominciare Comincia Tu è un format televisivo creato e condotto da Raffaella Carrà che va in onda su Rai Tre in prima serata da questo autunno. Il programma non offre nulla di nuovo nel format, un conduttore intervista l'ospite di turno e lo fa nella sua casa o in una scenica, la chiacchierata è conviviale, quasi come se le telecamere non ci fossero. Quello che è originale è il piglio della conduttrice che non stanca mai di stupire. parliamo di uno dei pilastri della televisione italiana, una vera innovatrice con i suoi programmi e non parlo solo di quelli storici. Raffaella Carrà è una vera mattatrice, io la adoro e sono un pochino di parte ma mi piacciono anche gli ospiti che ha intervistato. Trovo il programma molto leggero, scorrevole e piacevole. Mi piace il discorso e la chiacchiera informale e non nei soliti salotti televisivi. L'ospite è sempre a suo agio, forse alle volte anche un tantino intimorito da chi ha di fronte. Io lo consiglio. Alcune interviste sono divertentissime come quella alla Littizzetto, ma non mancano anche quelle molto seriose.
    conduttrice
    nessuno
  • viola04
    A tu per tu
    opinione inserita da viola04 il 24/09/2019
    "A raccontare comincia tu" è un programma trasmesso in prima serata dalla Rai, pochi mesi fa. Non so se avrà un seguito, staremo a vedere. La protagonista del programma è stata Raffaella Carrà, che in ogni puntata ha intervistato un ospite famoso, come Fiorello, Sofia Loren, Maria De Filippi. L'idea di base è molto semplice: la Carrà dialoga con l'ospite di turno, che racconta qualcosa della propria vita e della propria carriera. L'atmosfera è informale, sembra di ascoltare due amici che chiacchierano tranquillamente sul divano di casa. Il programma non è per nulla originale: la Carrà è un volto notissimo della televisione, i suoi ospiti sono personaggi altrettanto famosi, di cui già tanto si parla e di cui tanto si sa. L'idea di intervistare personaggi famosi in un colloquio a due è stata già proposta da altri giornalisti e presentatori, quindi "A raccontare comincia tu" non ha assolutamente nulla di nuovo. Il programma punta tutto sulla simpatia della Carrà, che nonostante non sia una novellina trasmette sempre entusiasmo ed energia. Una singola puntata può interessare se piace il personaggio intervistato, ma difficilmente nel corso del colloquio viene fuori qualcosa di nuovo e sorprendente. Un aspetto positivo è comunque che lo stile del programma è garbato e non scandalistico o di cattivo gusto. Per questo motivo si può seguire, senza comunque aspettarsi niente di particolare.
    la simpatia della conduttrice
    banale
  • fb-598
    A cominciare
    opinione inserita da Anna Riviera il 19/07/2019
    Dopo tanti anni di assenza è ritornata in TV. Raffaella Carrà, con un talk show che è stato trasmesso in prima serata su Rai 3 , dal titolo “A raccontare comincia tu”. ben pubblicizzato da lei con Fiorello il primo degli ospiti. Si sono poi susseguiti, la Loren, Riccardo Muti, la De Filippi e altri. La pubblicità precedente per sponsorizzare il programma lasciava capire di che genere fosse, niente di tanto innovativo, interviste fatte a casa dei personaggi importanti, che alla fine raccontavano le stesse cose raccontate tante altre volte, forse con qualche segreto in più stimolato dal fatto che fossero a casa propria. Ho visto solo per curiosità la puntata con Fiorello e poi qualche spezzone con Sophia Loren. Questa trasmissione è un adattamento del format spagnolo, sinceramente spero che non ci sia un ritorno. Per me non è di grande interesse nazionale. Ci sono state solo sei puntate con un picco nella serata dedicata a Maria De Filippi e che io non ho visto. In questo caso posso anche non consigliarlo, ma lascio decidere allo spettatore.
    per me nessuno
    è il solito talk show